Autorizzazione a pubblicare

La divulgazione di immagini di beni culturali svolta senza scopo lucro, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale, è libera a condizione che le immagini siano legittimamente acquisite e diffuse in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte.

 

In questa categoria rientrano:

  1. le pubblicazioni con tiratura inferiore alle 2.000 copie e prezzo inferiore a € 70,00 (le due condizioni devono sussistere contemporaneamente);
  2. i periodici di natura scientifica;
  3. l’esposizione in mostre ad accesso libero;
  4. le pubblicazioni on line purché senza inserzioni pubblicitarie e ad accesso gratuito.

 

In questi casi occorre soltanto dare comunicazione alla Direzione dell’Archivio di Stato con l’apposito modulo:

 

bollo

In caso di pubblicazioni a scopo di lucro, con tiratura superiore alle 2.000 copie o prezzo superiore  a € 70,00, la pubblicazione di immagini di un documento archivistico o di parte di esso, è necessario richiedere l’autorizzazione alla Direzione dell’Archivio di Stato, utilizzando l’apposito modulo, corredato di marca da bollo ed effettuare il pagamento dei diritti di riproduzione.

 

Per ciascuna foto pubblicata in un’edizione a stampa in una lingua e diffusa in un solo Paese, le tariffe sono le seguenti:
foto b/n ……………….euro 10,33
foto a colori ………….euro 51,65

Per diritti mondiali i prezzi sono triplicati.

Possono essere concordate con la Direzione tariffe forfettarie.

 

 

In tutti i casi, la pubblicazione dovrà riportare nel testo la segnatura archivistica esatta del documento riprodotto, la menzione “su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo” e l’espressa avvertenza del divieto di ulteriore riproduzione o duplicazione con qualsiasi mezzo.
L’editore dovrà inoltre consegnare una copia della pubblicazione (sia essa in formato cartaceo che digitale) all’Archivio di Stato.

 

Per riprese televisive e cinematografiche, la relativa tariffa è da concordarsi con la Direzione, in base al tempo necessario per le riprese.

 

I pagamenti dei diritti di riproduzione possono essere effettuati:

  • tramite bonifico bancario, intestato a Tesoreria provinciale dello Stato di Firenze – Prato coordinate IBAN : IT 23E 01000 03245 319 1 29 2584 03 (per bonifici internazionali, codice BIC / SWIFT : BI TA IT RR ENT)  con causale: diritti di riproduzione – capo XXIX cap. 2584 art. 3 – Archivio di Stato di Prato e indicando il codice fiscale del versante
  • tramite conto corrente postale n° 13464540 intestato a Tesoreria provinciale dello Stato di Firenze – Prato con causale: diritti di riproduzione – capo XXIX cap. 2584 art. 3 – Archivio di Stato di Prato.